Funnyg’s Weblog

dicembre 18, 2009

Parole come pietre: Carlo Vulpio, Roba nostra

Filed under: ascoltare,precise parole,storie,tempo di partire,tempo di tornare — by funnyg @ 10:53 am

Il libro di Carlo Vulpio parla della mia terra, della mia Basilicata, sporcata e massacrata da politici che fanno scempio dei soldi pubblici (perchè le vecchie tangenti nella valigetta lasciano troppe tracce), di attacchi a uomini coraggiosi che fanno il proprio mestiere rischiando la pelle, di uomini delle forze dell’ordine che si oppongono ai giochi di potere e vengono rimossi, esiliati, il cui onore viene infangato. Chi ha deciso di andare via riesce solo a rabbrividire. Chi è rimasto sembra non vedere quello che succede; è tutto così normale, lineare, “com’è sempre stato”. Si continua ad alimentare la collusione, di padre in figlio. In un vortice eterno di malaffare, soldi, potere. Dove a “farcela” sono sempre gli stessi.

“Roba nostra di Carlo Vulpio è un affresco di questo paese alla rovescia, appassionata radiografia di quel che non va e del perché non va.

Il suo libro ha il pregio di collegare fili della recente storia politica, giudiziaria, affaristica editoriale.

Alti e bassi.Magistrati che passano il tempo a sabotare le indagini di pochi colleghi che lavorano bene, nel silenzio di una corporazione sempre più imbalsamata e decrepite correnti.

Politici che infilano figli, mogli,figliastri portaborse e amanti nelle società finanziarie col denaro PUBBLICO che essi stessi incassano ed erogano. Giornalisti che si voltano dall’altra parte ben felici di farsi imbavagliare, anzi di prevenire gli ordini di superiori che si autocensurano.

Imprenditori anzi prenditori che non hanno mai conosciuto il libero mercato e vivono appesi alle sottane del potere in attesa di favore, di un finanziamento, di una spinta.

Controllori che si confondono con i controllati, poteri e contropoteri che convivono in un grande blob caramelloso, fraternizzano nelle stanze di compensazione della massoneria ufficiale e ufficiosa e dei comitati d’affari che si fanno scudo col papa e padreterno”.

Roba nostra, Il Saggiatore, Milano 2008

Annunci

novembre 30, 2009

No Berlusconi Day- funnyg sarà a Londra

Non uso più tanto questo blog, ma è un mezzo – il mio – per diffondere idee e parole.

Il 5 dicembre io sarò a Londra

di fronte il Consolato Generale a Londra / opposite the Italian General Consulate

dalle 13.00 alle 17.00.

Se vivi all’estero cerca qui la tua piazza, è importante!

http://noberlusconiday.wordpress.com/5-dicembre-allestero/#comment-769

Giovanna

ottobre 14, 2009

Insopportabili

Filed under: precise parole — by funnyg @ 10:40 pm

Tutti i “poi” e i “solo” che si usano nell’italiano parlato in Piemonte.Le persone supponenti, che non riescono a prendersi alla leggera, che sono sempre sul piedistallo quando parlano ( e scrivono). La politica italiana, purtroppo anche a sinistra. Gli uomini quando, tutti insieme, parlano di calcio pretendendo che t’interessi. Le donne, nei locali, quando ridono sguaiate appoggiate al bancone. I ragazzini per strada che se le suonano sempre di santa ragione.Io, quando voglio per forza dimostrare (a me stessa) che ce la posso fare,da sola.

settembre 10, 2009

Settembre 09

Filed under: tempo di tornare — by funnyg @ 10:18 am

Non chiedetemi di scegliere, né di riflettere per l’ennesima volta sulle differenze nord-sud, sui costi-opportunità del vivere qui o lì, su dove scommettere e sacrificare, su dove aggiungere e cosa togliere. Se “tutto il mondo è paese”,o se la questione meridionale sia ancora in piedi, come cinquant’anni fa, a guerre finite. Ho poche certezze: vivo lontana dalla Basilicata da 11 anni, per una scelta che nel tempo diventa via via più ragionata, consapevole, con tutti i suoi pro e i contro. Anni di studio, incontri straordinari e mediocri, amori (possibili e non), distanze, nostalgie e piccoli successi che mi hanno spinta sempre un po’più in là. Cerco di non sedermi, non sentirmi mai arrivata da nessuna parte, davanti a nessuna scrivania, davanti a nessun nuovo capo. Questa ostinata ambizione mel’ha trasmessa la mia terra, ormai lo so. E se potessi scegliere se vivere qui o a mille chilometri di distanza, non so ancora cosa sceglierei. Ho forse superato il senso di colpa di chi parte e si sente traditore. Trovo legittimo andare a prendersi ciò che manca anche lontano, se necessario. Amo pensare che il mio “orgoglio lucano” stia nel rimanere fedele a me stessa, ai valori con cui mi hanno educata e a tutto quello che ho respirato da bambina. La lealtà, il senso del dovere dei miei genitori, l’onestà intellettuale come guida, regalo di alcuni – rarissimi – insegnanti, la gratuità, l’essere ben disposti verso il prossimo. Valori. Che mi fanno sentire fedele a me stessa se in un gruppo di persone rimango quello che sono, anche se mi percepiscono ingenua, o molto più vicina allo stereotipo di donna cresciuta in provincia e partita in cerca di fortuna, che a quello di donna in carriera.
Partire anche per imparare ad andare oltre quello che pensa la gente, rompere gli schemi, sentirsi vivi, col proprio bagaglio di ricordi, tradizioni, amici d’infanzia che stanno lì e ti rassicurano, ti sostengono, anche solo nel ricordo di una foto sulla spiaggia a vent’anni. Ma ci seu tu, insieme a un po’ di solitudine che ti fa guardare dentro e ti insegna a capire chi sei, cosa togliere e cosa tenere, dove andare.
Tornare: quando il calendario dice che è tempo, e in effetti quando il cuore sente che è ora. Trovare i genitori che invecchiano e sentirsi di nuovo egoisti, irriconoscenti. E dall’altra parte indipendenti, liberi. Non mi piace inveire contro la classe dirigente, obsoleta, ignorante. Mi disgusta il pensiero comune che sia sempre colpa degli altri se le cose non vanno, se la gente fa la valigia. “Qui non c’è niente”, ma anche “A lavorare al nord per 1.200 euro non ci vado” (troppo duro stirarsi la camicia da soli e vivere senza troppi agi).
Allora? Allora credo fermamente che non è vero che solo i migliori se ne vanno; molti restano, divincolandosi tra clientelismi, giochi sporchi della politica e dando vita a cosa belle, che non esistevano. Rimanendo con le radici ben salde. Allora è possibile, eccome. E ha pure un prezzo alto da pagare.
So solo che il sud è una nostalgia dell’anima che non ti abbandona mai, che sa riconciliarti col mondo e allo stesso tempo metterti davanti a tutte le miserie, le meschinità e l’ignoranza di cui l’uomo è capace. Da donna, aggiungo, è capace di farti sentire allo stesso tempo madonna e sgualdrina, appendice di uomini che ti riaccompagnano a casa e escono con gli amici e che ti vorrebbero inchiodata al ruolo di moglie: poche possibilità di scegliere, mediare, condividere le incombenze della famiglia e dei figli. Eppure.
Di così tanto mondo, il sud rimane l’unico posto in cui, periodicamente, ritorno, con la speranza di dare qualcosa e la certezza di prendere, sempre.

febbraio 13, 2009

Oggi, da questo punto di vista

Filed under: partecipare — by funnyg @ 3:42 pm
Tags: , , ,

Mentre scrivi il tuo intervento di domani, pensa anche a come l’arte, la partecipazione sociale, la cultura stiano mobilitando ovunque giovani e cittadini, in generale.Di come il web cambi le relazioni, di come si replichino certi meccanismi sociali (vedi social ntwok come facebook) ovunque,in ogni parte del mondo.Rifletti su come la Chiesa interferisce nella vita privata della gente, (sfoglia i giornali di questi giorni,sull’ultimo saluto di Beppino ad Eluana, con che dolore un padre può arrivare a pensare alla morte per liberare sua figlia dal dolore). Pensa al nostro di cuore in questi mesi lunghi, di questo tempo non tempo, in cui lui è in un letto da cui potrebbe vedere il mare,ma non riesce ancora a farlo).Pensa all’amore,che domani trionfa nelle vetrine.Solo lì, che le donne le stuprano alla fermata dell’autobus.Pensa a come dovrebbe essere una politica che non dà risposte,non scioglie dilemmi etici, ma si fa le domande giuste, accompagna, aiuta a scegliere.In modo libero,pulito. Nè laico (che è comunque un aggettivo,e qualifica), né cattolico, né ateo. In bocca al lupo.Fammi sapere come va, ci tengo.

La storia delle cose

buon weekend

Giovanna

ottobre 24, 2008

Genova 2008

Filed under: festival — by funnyg @ 4:52 pm

Dunque – facciamo il lavoro della vita- anche se la ricompensa della vita è finita- con scrupolosa esattezza-per conservare i sensi-intatti- E. Dickinson

Genova.Lavoro.Tutto il giorno.Sarà così fino al 4 novembre.Oggi piove.La sera per dormire ascolto “orfani” di Da solo, Vinicio Capossela.Strappo al cervello attimi per me.Ci provo.Colazione in terrazza,non si vede il mare,ma c’è, oltre i tetti di ardesia.Le ore scorrono come i grani in una clessidra.Attimi di normalità in un tempo che presto sarà circolare e sembrerà non passare.Però sono in piedi.Ieri a cena se non avessi visto dondolare l’oblò da cui entrava aria fresca non avrei capito di essere su una barca.Piuttosto ad una cena tra vecchi compagni di scuola.Passato e futuro,persone lontane riescono a mischiarsi e non vedo più le sfumature del prima e del dopo.Che strana la vita

settembre 10, 2008

Ritornare a fluire

Filed under: andare — by funnyg @ 8:38 am

Inizio affannata.Non respiro regolarmente.Non mi giro ogni tre,quattro, sette bracciate per prendere aria.Mi muovo a scatti e nemmeno l’acqua mi fa fluire; è solo un rincorrersi di azioni meccaniche, come l’affanno del fare di queste prime tre settimane di lavoro.Fare-chiudere-inviare-chiamare.Irrimediabilmente tardi,sempre. Poi. Poi la vasca comincia a svuotarsi.Le persone escono piano.Nessuno schizzo.Nessun rumore.La mia corsia vuota.La traccia rassicurante attraverso le lenti scure.Ricomincio.Rana.Ritmo.Aria-acqua-aria-acqua. Scivola via tutto.La pelle scura contrasta con l’azzurro.A volte con le braccia sfioro la corda colorata che delimita le corsie,ma è solo un attimo,e torno al centro. Raccolgo e lascio le braccia al petto.Chiamo l’acqua e la lascio andare; è come sfogliare le pagine di un libro, i minuti scorrono uno dopo l’altro.A dorso respiro bocca-naso e guardo il soffitto.La mente si svuota. Mi sento di nuovo libera, pulita. Nessuna urgenza,nessuna cosa da fare per forza adesso. Del mare rimpiango solo i riflessi del sole sull’acqua.Non il suo sapore,non la temperatura.Nemmeno il sale che ti tiene a galla. Mi piace qui perchè vedo il fondo,bene.Forse mi piace quest’acqua perchè non mi spaventa, perchè è prevedibile e non mi fa sentire in pericolo: è tutto qui e posso vederlo, anche se non ci sono i colori dei pesci, gli scogli e l’affetto di Elianto che mi insegna a usare la maschera. Intorno,fuori dall’azzurro,mi annoia tutto.Mi sembra tutto stantìo.Ho bisogno di conoscere persone diverse,nuove.E fare cose che mi appassionino.

agosto 28, 2008

Il cerchio, la circonferenza

Filed under: ricominciare — by funnyg @ 12:42 pm

Arriva un momento in cui descrivi un cerchio intorno a te, chi è fuori è fuori. Non ti chiedi manco più perché, non ci si può spiegare tutto. Mi accorgo che per me la circonferenza non è mai chiusa del tutto, ha delle parti tratteggiate, discontinue.Come una membrana da cui può passare o filtrare il ricordo, la voglia di un abbraccio, l’emozione e anche il dolore. Parliamo, però, del dentro. Di quello che è nel cerchio.
C’è chi senti dentro come la famiglia, nel sangue. Gradi diversi, pochi momenti per vedersi, ma l’intesa, il prezzo di un bacio, di una cena, di quel sorriso, proprio quello, vale notti in treno e stanchezza fisica. Vale una notte fino all’alba per un bagno in pochissimi nell’acqua trasparente. Vale molti momenti di solitudine, ognuno a vivere la sua vita. Poi si fissa una data, un posto, ed è come un magnete. Come i raggi di una ruota.
Oggi insofferente.
Fuori sole. Foto. Negli occhi ancora il mare della Sicilia. Isole: Favignana e Levanzo. Affetto. Amici. Ore lente. Parole, racconti. Riprendiamo esattamente da dove abbiamo lasciato.Stare bene, come succede di rado. Addirittura divertirsi, unire mondi lontani. Incrociare pezzi di vite. Lui come un termometro – sorridevi, eri te stessa, ora sei un pò tesa – poi mi augura buon giorno col sorriso e un caffè.
L’affetto di chi ti offre casa sua, l’amaro in frigo (lucano, ovviamente) e il giornale da sfogliare sul divano con la naturalezza sincera di un fratello maggiore. Ci sono anche le ore davanti alla sua foto in quest’estate finita già, sul suo letto, tra le sue cose. C’è il suo sorriso enigmatico che mi guarda dall’alto. E tre conchiglie attaccate su un mosaico colorato per dirle non ci hai delusi, ti amiamo da qui. La pantera rosa di quando avevamo sei anni ed era più alta di noi che abiterà con me nella nuova casa torinese. L’abbraccio forte di suo fratello.
Il sole sulla pelle non asciuga le lacrime né il dolore e mentre nuoto guardando il fondo e i pesci scappano via e l’acqua a Cala rossa è molto fredda e senza le corsie il blu profondo sotto i piedi mi mette ancora paura, mi rendo conto. Ma ho imparato a controllare il respiro e mi muovo lentamente per tornare a riva.

Adesso qui ho i calcinacci e la polvere, odore di legno e di nuovo e il sole che  entra a fiotti tutto il giorno dalle finestre in fila. Il motivo per cui la casa tutta impolverata me la sono sentita addosso a marzo e non ho resistito. Lei ha scelto me. La città è semivuota. Mi alzo presto, fa quasi freddo. I vestiti sono quelli che non uso più e sono già da lavare. Poi c’è questa scrivania chiara e poca voglia. Molte cose che avrei voluto fare e vedere oltre i posti e le persone che sono riuscita a incontrare. Il sole del sud ora molto lontano. Poco tempo e troppo pensieri,la testa non li contiene tutti, mi fa male oggi, sembra esplodere. Illuminazioni, solo attimi di chiaro. Visi in fila scolpiti nel cervello,paesaggi mozzafiato.
[Mia sorella che sta per partire, un altro anno lontane ma vicinissime. Lei è solo una  versione avanzata di me, come il sistema operativo di un computer.Così dicono.]

luglio 9, 2008

Lidia Ravera, scrivere

Filed under: cose — by funnyg @ 9:41 am

“Scrivo da quando ho memoria, scrivo per mantenerla, la memoria, l’attenzione, qualcosa di vigile.Scrivo per sorvegliare lo svolgimento della vita. La mia, quella degli altri. Se non scrivessi sarebbe un bel guaio.”

Lidia Ravera

ps.ma lo Strega a Paolo Giordano che, per carità, è un ragazzo a posto e di compagnia, proprio no!

giugno 23, 2008

Preferisco il rumore del mare

Filed under: viaggi — by funnyg @ 4:54 pm

Quattro giorni.Autostrada adriatica,l’A14, quella nera a due corsie segnata sullo stradario, la musica dei Radiohead, Demian Rice, il cd dell’andata e del ritorno dal lettore di V. Racconti, parole, resoconti, libri, sogni. Affetto.Casa. Profumo di detersivo e panni appena stirati.Pavimenti lucidissimi. Caldo, la strada sotto la mia finestra e i lavori in corso. Il sorriso di A. nelle foto del libro. Enigmatico, profondissimo.Le lacrime.Un lunghissimo abbraccio; lei non tornerà ma vorremmo sapere che ci guarda sorridendo. Poi un tuo per sempre ad un Dio che non sappiamo se c’è, ma facciamo come se ci fosse.Cari amici, affetto.Festa. Il mare.In barca. Una spiaggia incastrata tra le rocce.La sabbia e le pietre.Scotta. Poca gente. L’acqua.Immergersi.Vincere la gravità. Osservare pesci bellissimi, di tutti i colori.Così sottili da sembrare trasparenti.Le conchiglie sul fondo, provare a prenderle.A testa in giù. Il sale sulla pelle tira. Nuoto e non c’è la linea dritta della corsia che mi guida.Sono libera. Queste le giornare per cui vale la pena fare 1000 chilometri.Pacchi, scatole, lettere, libri.Tuffi indietro.Sollievo, è passato tantissimo tempo.Ora sono un’altra persona, ma anche grazie a quello che è stato.Ora la mia stanza di bambina ha cambiato faccia, è come se fosse passato un uragano. Niente è più come prima.Ma ci voleva.Un bel tuffo. Perfetto. Testa e braccia, spalle e gambe.Per-fett-to. La sua voce vicinissima, sto tornando.Sono felice.

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.